in collaborazione con Zen Project

kick1_am.jpg (17648 byte)

Kick Boxing a Trieste

kick2_am.jpg (10501 byte)
 

di Ennio Falsoni

TRIESTE - Chiamare a raccolta 3mila fans acclamanti non è cosa da poco e da tutti. Ci è riuscito il triestino Augusto Sparano, giocando in casa, nel contesto del Trieste Sport Show, con una prova eccezionale in cui ha espresso tutta la sua potenza, frutto anche di una lunga preparazione mentale e fisica.

Sempre alla ricerca del meglio, Sparano è riuscito ad arrivare sino a Branko Cikatic, il fortissimo fighter croato e ad allenarsi a lungo presso la sua palestra a Zagabria. Una preparazione meticolosa e completa che ha reso il triestino molto sicuro di sè, fino a fargli sentire «in tasca», ancor prima dell’incontro, la vittoria sull’avversario: Filali Najim da 5 anni campione francese - cat. al limite degli 86 kg.-. Originario del Marocco, Najim, nonostante la giovane età, ha dimostrato di essere tecnicamente molto bravo - la preparazione di Eric Leclercq, tra l’altro segreterio della massima federazione francese, che lo segue da tempo, non è certo da sottovalutare - ma non così potente da mettere in crisi le certezze di Sparano. In sole quattro riprese, dopo un paio di ganci incassati con «non chalance», il triestino ha decretato il k.o. tecnico del francese, grazie al suo straordinario destro che nella seconda ripresa ha steso l’avversario e nella quarta ha «incontrato» la sua testa, facendola finire tra le mani dei medici ospedalieri che se ne sono presi cura.

E dopo il titolo europeo vittoriosamente difeso, Augusto sta guardando alla corona mondiale dei massimi leggeri che si disputerà il 19 novembre prossimo, organizzato da Alessandro Gotti. Lo scontro che si preannuncia impegnativo sarà con l’inglese Gary Turner (attualmente campione europeo dei massimi -94.100 kg.).

Tornando al Trieste Sport Show, da sottolineare, nel sottoclou, l’incontro tra le due «primedonne» del Full contact nostrano: Giovanna Neglia e Sonia De Biase, militanti nella categoria al limite dei 50 kg.. Un buon match che ha visto vincere ai punti su cinque riprese la milanese De Biase, apparso però un po’ «frenato» dalla reciproca conoscenza e dal troppo rispetto che le due atlete, entrambe presenti nella nazionale agli Europei di Leverkusen del’98, nutrono l’una nei confronti dell’altra.

 
     

 

- ©  Copyright      w w w.artimarziali.org   by ferpat -